L’idrogeno come fonte di energia

“Leggero, immagazzinabile, ad alta densità energetica, privo di emissioni dirette di inquinanti o gas a effetto serra. Tuttavia, pur essendo l’elemento chimico più abbondante dell’Universo, impiegarlo ai fini della transizione energetica non è semplice. E la prima difficoltà si incontra nella sua produzione.” Come suggerisce il magazine online Rinnovabili.it, l’idrogeno sembrerebbe un buon alleato per la transizione energetica. Al momento vi sono tre modalità di estrazione del prodotto che distinguono le tipologie di idrogeno: grigio, blu, verde.

La prima prevede l’estrazione dell’idrogeno da idrocarburi come il metano; è la modalità meno costosa ma la più inquinante perché è un processo che libera CO2. Questo primo caso descrive l’idrogeno grigio.

La seconda prevede allo stesso modo l’estrazione dell’idrogeno da combustibili fossili, come il metano , ma con l’utilizzo di tecnologie di stoccaggio della CO2 nel suolo. È quindi descritta come una tipologia a basso impatto. Si tratta del famigerato idrogeno blu.

Infine, l’idrogeno verde. Come si intende dal nome, la modalità di estrazione è la più ecocompatibile: l’H2 viene estratto dall’acqua tramite un processo di elettrolisi utilizzando energie rinnovabili e non comporta il rilascio di CO2.

Ed ora veniamo al dibattito: l’idrogeno blu viene definito da alcuni come strumento di transizione per passare in futuro all’idrogeno verde, che è ancora in fase sperimentale e poco competitivo sul mercato. Per altri, fra cui la Commissione Europea, sembra invece chiara la necessità di orientarsi immediatamente all’utilizzo di fonti rinnovabili ed evitare di rimandare ulteriormente l’obiettivo emissioni-zero al futuro.

Qual è il vostro punto di vista?

Per ulteriori informazioni:sull’intervento della Commissione: https://www.ilfattoquotidiano.it/2021/06/28/recovery-plan-la-ue-boccia-il-governo-sullidrogeno-prodotto-dal-gas-non-e-green-stop-ai-fondi-in-cui-speravano-eni-e-arcelormittal/6243213/

Autrice: Cinzia Tromba – responsabile gruppo Cambiamo

Giugno 29, 2021

Tag:,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *